Proverbi 7:6-23 (Giovanni Diodati 1649 (Italian))

View In My Bible
6 Perciocchè io riguardava una volta per la finestra della mia casa, Per li miei cancelli; 7 E vidi tra gli scempi, E scorsi tra i fanciulli, un giovanetto scemo di senno; 8 Il qual passava per la strada, presso al cantone della casa d’una tal donna; E camminava traendo alla casa di essa; 9 In su la sera, in sul vespro del dì. In su l’imbrunire ed oscurar della notte; 10 Ed ecco, una donna gli venne incontro, In assetto da meretrice, e cauta d’animo; 11 Strepitosa, e sviata; I cui piedi non si fermavano in casa; 12 Essendo ora fuori, or per le piazze; E stando agli agguati presso ad ogni cantone. 13 Ed essa lo prese, e lo baciò, E sfacciatamente gli disse: 14 Io avea sopra me il voto di sacrificii da render grazie; Oggi ho pagati i miei voti. 15 Però ti sono uscita incontro, Per cercarti, e ti ho trovato. 16 Io ho acconcio il mio letto con capoletti Di lavoro figurato a cordicelle di fil di Egitto. 17 Io ho profumato il mio letto Con mirra, con aloe, e con cinnamomo. 18 Vieni, inebbriamoci d’amori infino alla mattina, Sollaziamoci in amorosi piaceri. 19 Perciocchè il marito non è in casa sua; Egli è andato in viaggio lontano; 20 Egli ha preso in mano un sacchetto di danari; Egli ritornerà a casa sua a nuova luna. 21 Ella lo piegò con le molte sue lusinghe, E lo sospinse con la dolcezza delle sue labbra. 22 Ed egli andò dietro a lei subitamente, Come il bue viene al macello, E come i ceppi son per gastigamento dello stolto; 23 Come l’uccello si affretta al laccio, Senza sapere che è contro alla vita sua, Finchè la saetta gli trafigga il fegato.
Link Options
More Options
[X]