19 Perciò, o re Agrippa, io non sono stato disubbidiente alla celeste apparizione.