13 Salutate Rufo, l’eletto nel Signore, e sua madre, che è pur mia.