Proverbi 11 GDB

1 Le bilance false sono cosa abbominevole al Signore; Ma il peso giusto gli è cosa grata.
2 Venuta la superbia, viene l’ignominia; Ma la sapienza è con gli umili.
3 L’integrità degli uomini diritti li conduce; Ma la perversità de’ disleali di distrugge.
4 Le ricchezze non gioveranno al giorno dell’indegnazione; Ma la giustizia riscoterà da morte.
5 La giustizia dell’uomo intiero addirizza la via di esso; Ma l’empio caderà per la sua empietà.
6 La giustizia degli uomini diritti li riscoterà; Ma i disleali saranno presi per la lor propria malizia.
7 Quando l’uomo empio muore, la sua aspettazione perisce; E la speranza ch’egli aveva concepita delle sue forze è perduta.
8 Il giusto è tratto fuor di distretta; Ma l’empio viene in luogo suo.
9 L’ipocrito corrompe il suo prossimo con la sua bocca; Ma i giusti ne son liberati per conoscimento.
10 La città festeggia del bene de’ giusti; Ma vi è giubilo quando gli empi periscono.
11 La città è innalzata per la benedizione degli uomini diritti; Ma è sovvertita per la bocca degli empi.
12 Chi sprezza il suo prossimo è privo di senno; Ma l’uomo prudente tace.
13 Colui che va sparlando palesa il segreto; Ma chi è leale di spirito cela la cosa.
14 Il popolo cade in ruina dove non son consigli; Ma vi è salute in moltitudine di consiglieri.
15 L’uomo certamente sofferirà del male, se fa sicurtà per lo strano; Ma chi odia i mallevadori è sicuro.
16 La donna graziosa otterrà gloria, Come i possenti ottengono ricchezze.
17 L’uomo benigno fa bene a sè stesso; Ma il crudele conturba la sua propria carne.
18 L’empio fa un’opera fallace; Ma vi è un premio sicuro per colui che semina giustizia.
19 Così è la giustizia a vita, Come chi procaccia il male lo procaccia alla sua morte.
20 I perversi di cuore sono un abbominio al Signore; Ma quelli che sono intieri di via son ciò che gli è grato.
21 Il malvagio d’ora in ora non resterà impunito; Ma la progenie de’ giusti scamperà.
22 Una donna bella, ma scema di senno, È un monile d’oro nel grifo d’un porco.
23 Il desiderio de’ giusti non è altro che bene; Ma la speranza degli empi è indegnazione.
24 Vi è tale che spande, e pur vie più diventa ricco; E tale che risparmia oltre al diritto, e pur ne diventa sempre più povero.
25 La persona liberale sarà ingrassata; E chi annaffia sarà anch’esso annaffiato.
26 Il popolo maledirà chi serra il grano; Ma benedizione sarà sopra il capo di chi lo vende.
27 Chi cerca il bene procaccia benevolenza; Ma il male avverrà a chi lo cerca.
28 Chi si confida nelle sue ricchezze caderà; Ma i giusti germoglieranno a guisa di frondi.
29 Chi dissipa la sua casa possederà del vento; E lo stolto sarà servo a chi è savio di cuore.
30 Il frutto del giusto è un albero di vita; E il savio prende le anime.
31 Ecco, il giusto riceve la sua retribuzione in terra; Quanto più la riceverà l’empio e il peccatore?