122 Da’ sicurtà per lo tuo servitore in bene, E non lasciar che i superbi mi oppressino.