30 (io, che non ho permesso alle mie labbra di peccare chiedendo la sua morte con imprecazione),